PROMISES

50 pounds sterling - The promise
Detail
10Million Turkish Lira - Double Face Ataturk
Detail
5 Euros - The Falling Temple
5 Pounds Sterling - The Governor
5 Pounds Sterling - The Sewing Queen
50 Pounds Sterling - The Power
20 Pounds Sterling - The Division
100 Euros - The Guardians
Detail
10 Pounds Sterling - The Soul of England
10 Million Turkish Lira - The Map
Detail
10 Euros - The Cathedral
10 Million Turkish Lira - Sailing
100 Euros - The Bridge
500 Euros - The Power Palace
Wild Project, NY
Garibaldi Meucci Museum, NY
13x18 Mantua, Italy

EN

NOTE: IMAGES ON THE WEBSITE ARE RAW SCANS, NOT POST-PRODUCED. The photographs, from 5x4” negatives, are printable only in the darkroom: Photoshop does not allow to open and edit the photographs as it recognises them as banknotes. The software is able to control what the user does in real time and forbids the editing of such images; it also redirects the user to a government website. Images of the exhibited prints are to be found at the end of the slideshow.

 

Prologue: On 15th September 2008 at 7.15 a.m. London time I decided to leave Finance for my true calling: photography. At that time I was working for a fund of hedge funds and when I arrived at the office at 9.00 a.m. I apprehended that Lehman Brothers had filed for bankruptcy. That same evening Damien Hirst broke all auctions records.

 

Historically money were a promise to pay a certain amount of an asset, traditionally gold, that was stored somewhere and represented by the note. Although this parity doesn’t exist anymore, it is indeed still trust in a vast and complicated system, the financial system, that permits the light-minded mass-consumption of a promise that somewhere, somehow there is gold for everyone. Likewise photographs are usually yet considered a promise that somewhere, sometime the subject of the photograph, i.e. the nominal value of the image, had existed in front of the camera and is truthfully represented in the print. 

 

From a double-faced representation of Ataturk that hints to the good and the bad of the iconic President of Turkey; to the depiction of a supposedly Neoclassical architecture sustained by tired statues one of which unapologetically scratch its belly (100 euros); to the celebration of illuminated British woman Elizabeth Fry, protagonist of a very sharp depiction of two firmly divided social classes, these large close-ups of banknotes tell us something about the culture, history and psychology of our times.

 

Specifications

Prints are 100x80cm. Edition of 5. The series includes close-ups, from large format color negatives, of banknotes from different countries of the world.

IT

NOTA: LE IMMAGINI RIPRODOTTE SUL SITO SONO TUTTE SCANSIONI ROZZE, NON SVILUPPATE DIGITALMENTE.

Le immagini, tutte circa 80X100cm da negativi largo formato, possono essere stampate solo in camera oscura: Photoshop non permette di aprire e modificare le fotografie in quanto le riconosce come banconote. Il software è in grado di controllare ciò che l'utente fa in tempo reale e vieta la redazione di tali immagini; lo stesso reindirizza anche l'utente a un sito governativo.

 

Prologo: Lunedi’ 15 Settembre 2008, alle 7.15 del mattino, ho deciso di lasciare la finanza per quella che e’ sempre stata la mia vocazione: fotografia. Al tempo lavoravo in un fondo di fondi hedge ed appena arrivata in ufficio, alle 9.00, sono stata travolta dalla notizia che Lehman Brothers aveva dichiarato bancarotta. La sera stessa, Damien Hirst metteva all’asta parte delle sue opere e rompeva tutti i record mai stabiliti da un solo artista.

 

Storicamente il denaro era la promessa di pagare una certa somma di un bene, tradizionalmente l'oro, conservato in un certo luogo e rappresentato dalla banconota o dalla moneta. Anche se questa parità non esiste più, è difatti tuttora la fiducia in un vasto e complesso sistema, quello finanziario, che permette il consumo di massa di una promessa che da qualche parte, in qualche modo, c'è oro per tutti.

Allo stesso modo le fotografie sono generalmente considerate una promessa che da qualche parte ed in un preciso momento il soggetto della fotografia, cioè il valore nominale dell'immagine, è esistito davanti alla telecamera ed è correttamente rappresentato nella stampa.

 

Partendo dalla rappresentazione di un Ataturk a due facce che allude al bene ed al male dell’iconico presidente turco, passando per la raffigurazione di un’ architettura neoclassica sostenuta da stanche statue una delle quali pare un satiro che si gratta la pancia (100 euro), e terminando con la celebrazione della benefattrice ed educatrice britannica Elizabeth Fry, protagonista del difficile rapporto tra due classi agli estremi della scala sociale, questi grandi primi piani di banconote ci parlano della cultura, della storia e della psicologia dei nostri tempi.

 

Specifiche

Le stampe sono tutte 100x80cm, in edizione di 5. La serie è composta da close-up, da negativo a largo formato (banco ottico), di dettagli di banconote di vari pesi del mondo. 

I Promise

Photography and Money

Extract from paper

 

(...)During the twentieth century photography has become regarded as ‘the visual currency of our time’ (Museum of Photographic Arts, San Diego), view confirmed by exhibitions such as ‘Currency - Contemporary New Zealand Photographic Art’ (1995) and books such as ‘Visual Currencies - Reflections on Native Photography’ (2009). Various sources have alluded to the close time-relation between the invention of photography and the rise of a new industrial age dominated by the capitalist model in the early nineteenth century: in one case the production-machines were to substitute men labour, in the other the camera-machine was to substitute men artistry. The output of the new mechanical processes were money in one case and photographs in the other. It is appalling how many characteristics these two objects share.

 

Firstly they both are images which can be assessed from an aesthetic point of view (view reinforced by the presence of monuments and works of art on banknotes and coins). In the case of paper money, they also share the same bi-dimensional flat surface which doesn’t allow any in-depth knowledge about the system that created it. 

 

Historically, money were a promise to pay a certain amount of gold that was stored somewhere and represented by the note. The fact that until at least World War I any country issuing money was in various ways compelled to do so on the basis of its physical reserves of gold, whilst nowadays this parity doesn’t exist anymore, doesn’t diminish the fundamental role that trust has in the successful use and circulation of money. Indeed, it is trust in a vast, complicated, and largely misunderstood system, the financial system, that permits the light-minded mass-consumption of a promise that somewhere, somehow there is gold for everyone (hence the inflation is the measure of how much we believe in that promise).

Likewise, photographs are usually considered a promise that somewhere, sometime, the subject of the photograph (which is the nominal value of the photographic image) has been existing in front of the camera and is truthfully represented in the final print. ‘The painter constructs, the photographer discloses’ affirms Sontag in On Photography (1977).

 

The issue here is not that the photograph can only depict something that for sure exists in a specific time and a specific place in the realm of the real, but that from such a definition we can appreciate the switch that occurs in the attention of the observer/user of the photographs from the value of the surface as such - as meaningful property of the image/object that can be constructed - to the nominal value of the image, that is, the promise it carries, the subject represented, the information imbedded in it.

(...)

 

Extract from Interview (more in Press)

 

“The series ‘Promises’”, she explains, “represents the expression of the contemporary need to understand the world of finance, which for many of us is so obscure and hard to interpret”. That’s why in her works the details of the banknotes are enormously enlarged [...} on one hand, the banknote is the promise to pay the bearer a sum of equal value; on the other hand the photograph is the promise that what was photographed had really existed. Today, with the establishment of the digital techniques, we all know that not all the photographs have a correspondence in the real world, and the same happens with money: nevertheless, we still accept money and pictures for their nominal value, believing in the promises they bring with them”.

Io Prometto

Fotografia e Denaro

Estratto

 

(...) Durante il ventesimo secolo, la fotografia ha cominciato ad essere considerata ‘la moneta del nostro tempo’ (Museo di Arti Fotografiche, San Diego), visione confermata da mostre quali ‘Valuta - Arte Fotografica Contemporanea della Nuova Zelanda’ (1995), e da libri dal titolo ‘Moneta Visiva - Riflessioni sulla fotografia dei Nativi’ (2009). Varie fonti, poi, alludono alla stretta relazione temporale tra l’invenzione della fotografia e la nascita della societa’ industriale dominata dal modello capitalista dell’inizio del XIX secolo: in un caso le macchine-produttrici avrebbero dovuto sostituire l’uomo, e nell’altro la macchina-fotografica avrebbe dovuto sostituire l’artista. Il prodotto finale era nel primo caso il soldo, e nel secondo la stampa fotografica. E’ incredibile quante caratteristiche questi due oggetti condividano.

Prima di tutto entrambe presentano immagini che possono essere in- terpretate secondo principi estetici (basti anche solo pensare che spesso su banconote e monete vengono raffigurati monumenti ed opere d’arte). Nel caso poi dei soldi di carta, entrambe condividono una superficie bi-dimensionale (o infinitamente tridimensionale) che in entrambi i casi non permette alcuna conoscenza profonda delle regole del sistema che le ha create.

Storicamente la moneta e’ la promessa di pagare un certo ammontare di un bene depositato in un certo luogo e rappresentato dalla banconota. Almeno fino alla prima Guerra Mondiale qualsiasi governo che stampasse valuta era in vari modi obbligato a farlo mantenendo una certa parita’, di solito con l’oro: il fatto che al giorno d’oggi questo limite non sussista piu’ non diminuisce il ruolo fondamentale che la fiducia in questo preciso meccanismo ha nella circolazione ed uso del soldo. Infatti, e’ proprio la fiducia in un sistema vasto, complicato e poco trasparente, il sistema finanziario, che permette la consumazione non critica e massiccia di questa promessa che da qualche parte, in qualche modo, ci sia oro per tutti (per cui l’inflazione non e’ altro che la misura di quanto crediamo in tale promessa). Lo stesso accade con le fotografie, normalmente considerate la promessa che in un certo luogo, in un certo tempo, il soggetto della fotografia (ossia il valore nominale dell’immagine fotografica) sia effettivamente esistito davanti alla macchina fotografica e sia stato fedelmente rap- presentato nella stampa finale.

Susan Sontag affermava che ‘il pittore costruisce, mentre il fotografo rivela’ (1977). Qui il problema non e’ che l’immagine fotografica possa “solo” rappresentare cio’ che in un preciso momento ed in un preciso spazio sia effettivamente esistito nel mondo reale; il problema e’ che da frasi come queste si puo’ capire come l’attenzione dell’osservatore/utente dell’immagine fotografica passi dal considerare la fotografia come oggetto che effettivamente possa essere creato, al considerarne invece il solo valore nominale, ossia il soggetto rappresentato, l’informazione rivelata, la promessa a cui vogliamo disperatamente credere. Non a caso Barthes cercava di ritrovare la deceduta madre in un mucchio di fotografie, e non a caso la trovo’ solo in un’ immagine che ritraeva una donna che non aveva mai conosciuto.

(...)

 

Estratto da Intervista (intero articolo in "Press")

“La serie ‘Promesse’", spiega Turchi, "rappresenta l’espressione del desiderio contemporaneo di capire il mondo della finanza, per molti così oscuro e difficile da decifrare”. Ecco perché nelle sue opere i dettagli delle banconote sono ingranditi a dismisura [...]

Clara parte dal presupposto che fotografie e banconote siano inaspettatamente legate dal loro valore simbolico: “La banconota, storicamente, è la promessa di pagare al portatore una somma di pari valore; l’immagine fotografica è la promessa che quanto fotografato sia realmente esistito. Oggi, con l’affermazione delle tecniche digitali, sappiamo che le fotografie possono non trovare un corrispettivo nel mondo reale e lo stesso accade con i soldi: ciò nonostante, tutti noi continuiamo ad accettare soldi ed immagini per il loro valore nominale credendo quindi nelle promesse in loro insite”.